Genziana

Specie botanica: Gentiana luteaL.; Gentiana major; Gentiana vulgaris major.- Famiglia GentianaceeGenzianee.- Sinonimo Genziana Gialla.- Nomi stranieri: Gentianegentiane jaunegrande gentiane (francese). Enzian (tedesco). Yellow gentian (inglese).

Descrizione

La genziana è un’erba perenne; presenta un grosso rizoma ramoso, è alta sino a 1,8 m. Le foglie sono grandi, con picciolo grosso e corto, al suo interno sono presenti nervature molto marcate. I fiori gialli, sono raccolti in piccoli fascetti. Il rizoma e le radici sono di colore grigio brunastro all’esterno, giallastro all’interno. La radice presenta un diametro variabile tra 0,3 e 4 cm ed è raggrinzita longitudinalmente.

COLESTEROLO E TRIGLICERIDI

Il colesterolo, i trigliceridi insieme ai fosfolipidi sono i grassi contenuti nel nostro organismo. I fosfolipidi sono i principali componenti delle membrane cellulari e delle guaine dei nervi. I trigliceridi rappresentano la più grande riserva dei nostri lipidi e rappresentano quasi il 90% dei grassi ingeriti. Il colesterolo è componente essenziale delle membrane cellulari e della bile.

Origine dei grassi circolanti

La parte più importante dei grassi circolanti è prodotta dall’organismo stesso, mentre un’altra parte viene introdotta con la dieta. L’assorbimento dei lipidi alimentari avviene a livello dell’intestino tenue, per opera di alcuni sistemi enzimatici dopo un’emulsione con i sali biliari. La sintesi interna dei lipidi avviene principalmente nel fegato. I trigliceridi vengono prodotti a partire dai glucidi (zuccheri), mentre il colesterolo viene sintetizzato dall’acetil-Co.A.

Castagna marrona

Castanea sativa, Marrone, Castagna marrona, Castegna, Castagnar, Maronaro, Castangia.

Descrizione

Albero di grandi dimensioni, della famiglia delle cupulifere o fagacee, la sua altezza può raggiungere i 30 metri, longevo, si conoscono alberi con più di mille anni di età, il massimo splendore vegetativo è raggiunto intorno ai 50 anni. Il castagno cresce spontaneo nell’area mediterranea; le zone geografiche dove è più diffuso sono: Europa Meridionale, Asia occidentale e nord Africa. Il castagno vive in Europa da epoche antichissime, sono stati ritrovati reperti fossili dell’era Cenozoica. Il Castagno si pensa sia stato introdotto in Europa dall’Asia occidentale (Iran). Tradizionalmente si ritiene che il nome della pianta tragga origine da Kastanis, una città del Ponto, dove veniva intensamente coltivato. Il castagno presenta un tronco massiccio e duro, la corteccia negli alberi giovani è liscia e grigiastra, per diventare successivamente bruna e screpolata. La chioma espansa raggiunge dimensioni notevoli. Le foglie sono grandi, lisce, di forma oblunga e lanceolata. I fiori giallicci, profumati sono dei due sessi nella stessa pianta: maschili raggruppati in amenti rigidi, eretti, lunghi circa 10 cm, alla cui base si trovano i fiori femminili, riuniti a gruppi di 2-4, che si trasformano nel frutto (riccio).

Aloe Vera

L’aloe è una pianta perenne originaria dell’Africa del Sud e delle Antille. Questa pianta presenta una serie di foglie carnose, sature d’acqua, che gli permette di resistere a lunghi periodi di siccità. L’aloe è ormai diffusissima anche nel nostro paese, si adatta bene a vivere anche come una pianta da appartamento.

Principi attivi

I principi attivi sono estratti o dall’Essudato (concentrato del succo delle foglie) o dal Gel (che si ottiene dalla pianta in toto, dopo aver eliminato i tessuti più esterni). La quantità di principi attivi dipende in gran parte da com’è stata coltivata la pianta. Una pianta con almeno 5 anni d’età e cresciuta a sole pieno può contenere una quantità di “aloidina” dieci volte superiore ad una pianta cresciuta all’ombra. L’essudato può contenere derivati idrossiantraceni in quantità variabili tra il 40 e il 70%. La sostanza più attiva e conosciuta di questa famiglia di principi attivi è l’aloidina. L’aloidina allo stato puro è una polvere cristallina dal colore giallo-limone, con un leggero odore aromatico. Solubile in acqua calda, alcool ed acetone, si altera alla luce. Deve essere conservata in recipienti ermetici alla luce e all’aria. Nell’aloe sono presenti anche una modesta quantità di Resine (combinazioni di alcoli resinosi con avidi aromatici) e Essenze (particolari sostanze che danno alla pianta l’odore caratteristico).

ASSENZIO

La fatina verde sta tornado…il superalcolico più amato dai poeti e dagli artisti, a novant’anni dalla sua messa al bando, sta vivendo una nuova vita…la sua leggenda…la sua storia…i suoi effetti farmacologici.

La pianta base da cui si ricava l’assenzio è l’artemisia, di questa pianta si conoscono varie specie: Artemisia (amarella, canapaccia, assenzio selvatico, erba di S.Giovanni), Artemisia Cinese, Artemisia Absinthium (assenzio maggiore, assenzio romano, assenzio officinale).

Decreto Legislativo n. 185/95 del 17 marzo 1995

Attuazione della direttiva 92/73/CEE in materia di medicinali omeopatici 
Pubblicato sulla GU del 22-5-1995.



  IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

    Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; 
    Vista la legge 22 febbraio 1994, n. 146, e, in particolare, gli articoli 1, 2 e 25; 
    Vista la direttiva del Consiglio 92/73/CEE del 22 settembre 1992, che amplia il campo di applicazione delle direttive 65/65/CEE e 75/319/CEE concernenti il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative relative ai medicinali e che fissa disposizioni complementari per i medicinali omeopatici; 
    Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 16 marzo 1995; 
    Sulla proposta dei Ministri del bilancio e della programmazione economica incaricato per il coordinamento delle politiche dell’Unione europea e della sanità, di concerto con i Ministri dell’industria, del commercio e dell’artigianato, degli affari esteri, di grazia e giustizia e del tesoro;

Emana il seguente decreto legislativo:

Articolo 1. 
Campo d’applicazione.

Il pompelmo

La spremuta di pompelmo.
Rinfrescante o intossicante?
(da “bollettino informazione dei farmaci n. 3 2006, bimestrale dell’ AIFA – Ministero della Salute)
 www.agenziafarmaco.it

Il pompelmo è in grado di aumentare in maniera significativa la biodisponibilità di diversi medicinali, attraverso un meccanismo di inibizione dell’attività di alcuni enzimi che a livello epatico sono responsabili della trasformazione dei farmaci.

Crediti ECM

La segreteria della commissione Ecm ha individuati il numero dei crediti che sarà necessario acquisire annualmente, indicando per ogni anno il minimo e il massimo dei crediti acquisibili:

  • 2002: 10 crediti (con un minimo di   5 e un massimo di   20)
  • 2003: 20 crediti (con un minimo di 10 e un massimo di   40)
  • 2004: 30 crediti (con un minimo di 15 e un massimo di   60)
  • 2005: 40 crediti (con un minimo di 20 e un massimo di   80)
  • 2006: 50 crediti (con un minimo di 25 e un massimo di 100)

La conferenza Stato-Regioni e Province autonome ha ridisegnato il sistema di formazione in continua in medicina allo scopo di prevedere nuovi organi e procedure. É previsto che entro il 30 maggio 2005 la conferenza Stato-Regioni definisca un piano nel quale definire le nuove modalità di attuazione dell’ ECM. In attesa che il piano venga predisposto e formalizzato, la conferenza Stato-Regioni, ha disposto uno “sconto” fissando a 30 in luogo dei previsti 40 il numero dei crediti che avrebbero dovuto essere conseguiti nell’anno 2005, riconoscendo, tuttavia, tutti i maggiori crediti conseguiti dai professionisti nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2005 e la data di sottoscrizione.

Alcool etilico

Spiritus vini rectificatus

Caratteristiche chimico fisiche

La F.U. 8° ed. descrive l’alcool etilico (ethanolum, etanolo, alcool rettificato) nel seguente modo: “Liquido incolore, trasparente, mobile, volatile, di odore caratteristico gradevole, di sapore bruciante. Infiammabile: brucia con fiamma azzurrognola. Completamente miscibile con acqua, etere, cloroformio e glicerina. Deve contenere non meno del 95,0 % v/v e non più del 96,5 % v/v di alcool (C2H6O), P.M. = 46,7, densità relativa 0,8125-0,8055. [∞-pag. 57 F.U. 8° ed.].

La F.U. XI ed. descrive l’alcool etilico in vari capitoli:
-Solventi (pag. 7): Il termine”etanolo” senza altra qualificazione significa etanolo anidro. Il termine “alcool” senza altra qualificazione significa etanolo (96 % v/v). Altre diluizioni di etanolo sono indicate con il termine “alcool” seguito dall’indicazione della percentuale in volume di etanolo richiesta.
-Espressioni del contenuto (pag. 7): Per cento v/v (percentuale, volume su volume) esprime il numero di millilitri di sostanza in 100 millilitri di prodotto finale.

Alcool Denaturato

L’alcool denaturato, è un alcool destinato alla vendita per essere utilizzato in esenzione d’accisa. L’alcool denaturato è reso inadatto per uso alimentare e farmaceutico industriale mediante l’aggiunta di sostanze denaturanti. I denaturanti sono sostanze che vengono aggiunte generalmente ai prodotti cosmetici contenenti alcool etilico per renderli di gusto sgradevole. Le principali Leggi che regolano la produzione e vendita dell’alcool denaturato sono: n. 524 del 26-09-1995 art. 27 comma 3, n. 524 del 9-7-1966 modificato con il Regolamento CE n.2205/2004 pubblicato sulla G.U. Europea 374/42 del 22-12-2004. Gli alcoli denaturati sono designati con denominazione INCI “ Alcohol Denat.” . L’Alcohol Denat. è alcool etilico denaturato con uno o più agenti denaturati conformemente alla legislazione nazionale in vigore in ciascuno Stato dell’Unione Europea.

Caratteristiche e composizione del denaturante generale dell’alcool etilico
(da Circolare n.19/D Agenzia delle Dogane, 9 maggio 2005)

Il regolamento, relativo all’Italia; n.3199/93 CE del 22/11/1992, modificato dal regolamento 2546/95 del 30/10/1995, e dal regolamento n. 2559/98 del 17/11/1998, prevede quanto segue: l’alcool etilico da sottoporre alla denaturazione deve possedere un tenore effettivo di alcool etilico non inferiore a 83% in volume ed un titolo misurato all’alcolometro CE, non inferiore a 90% in volume.