consigli sui farmaci, fitoterapia, diete, legislazione,  
 diritto e lavoro, vecchi ricettari, farmacia, curiosità.

chi siamo

link

mail

consigli

farmacia

fitoterapia

diete

posta

ricettario

legislazione

diritto e lavoro

 

 

 
la soluzione fisiologica

il chitosano

gli integratori salini

come dimagrire..senza illusioni

il latte di soia

creme adesive per dentiere

l'aspirina

il ginseng

apparecchi misuratori pressione

colesterolo e trigliceridi

apparecchi misuratori glicemia

ogm e alimenti biologici

lassativi vegetali

creme anticellulite

profilattici o preservativi

l'ibuprofene

tachipirina ovvero il paracetamolo

apparecchi per aerosolterapia

i pidocchi

pomate antibiotiche

il termometro

la febbre

patologie arti inferiori

magnesio cloruro

acido borico

argento proteinato

menopausa

dolcificanti

glicerina

latte in polvere prezzi

l'influenza

punture di insetti

acido folico

alimentazione neonati

allattamento al seno

svezzamento bambino

sale

dieta a base di pesce

influenza aviaria

cereali frutta verdura

vomito in età pediatrica


LASSATIVI VEGETALI

 

La stitichezza

La stitichezza (stipsi), è un disturbo caratterizzato da una diminuzione dell’emissione di feci. È corretto parlare di stipsi quando l’evacuazione delle feci è inferiore a 2-3 volte la settimana. È consigliato esporre il problema al medico quando questi disturbi compaiono o si aggravano improvvisamente.

Le cause

Se le cause non sono dovute a malattie, la stipsi è da ricondurre, specie per le donne e gli anziani, a cattive abitudini alimentari. La mancanza di fibre dovuta a cibi sempre più raffinati, la vita sedentaria e l’insufficiente apporto d’acqua fanno sì che questo disturbo si cronicizzi e diventi sempre più diffuso.

 

Le complicanze

La stitichezza cronica può essere la causa di numerosi disturbi: ragadi anali, emorroidi e diverticoli.

 

Prevenzione e rimedi

La stitichezza va prevenuta aumentando l’apporto di fibre che sono presenti in maniera particolare in alcuni cibi:

· Pane e pasta integrali.

· Verdura cotta e cruda (carciofi, spinaci).

· Legumi (piselli, fagioli).

· Frutta.

Si può integrare la quantità di fibra introdotta con l’alimentazione aggiungendo 2-3 cucchiai di crusca polvere al latte, minestra, yogurt. È importante svolgere una maggiore attività fisica quotidiana, imparare ad evacuare ad orari prestabiliti assumendo dove è possibile una posizione accovacciata. Si raccomanda di evitare l’abuso di lassativi. Nelle donne in gravidanza dopo il sesto mese, la stitichezza è molto frequente a causa della compressione dell’intestino. Se la corretta alimentazione ed una adeguata attività fisica non sono sufficienti a risolvere il problema può essere necessario l’uso di lassativi contenenti mucillagini (psillo, semi di lino). Nei bambini la stitichezza è dovuta quasi esclusivamente a cattive abitudini alimentari (latte vaccino non diluito, precoce svezzamento, latte in polvere). È possibile risolvere il problema aggiungendo nell’alimentazione brodo vegetale e olio d’oliva. Se tali rimedi si dovessero rivelare insufficienti prima di rivolgersi al pediatra si potrebbero utilizzare microclimi con malva e camomilla o supposte di glicerina. Negli anziani la stipsi è più frequente perché possono sommarsi diverse cause: uso di numerosi farmaci, modesta attività fisica, alimentazione scorretta con scarsa masticazione, lunghi periodi d’inattività a letto. Se la stipsi non è causata da malattie intestinali, disturbi neurologici o ginecologici oppure da esiti di operazioni o ernie, si può ricorrere all’uso di lassativi di massa (mucillaggine di psillo o semi di lino) oppure di ammorbidenti come sciroppi di lattulosio quando le già consigliate misure dietetiche e stile di vita non si siano rivelate sufficienti. Sono sconsigliati sia i lassativi con meccanismo irritante (vegetali e di sintesi) che quelli salini.

 

Consiglio del farmacista

La stipsi è un fastidioso malessere che può essere risolto nella maggior parte dei casi con un corretto stile di vita ed una adeguata alimentazione. Se occorre usare lassativi è bene rivolgersi a quelli di massa (leggi l’articolo), ai prodotti contenenti lattulosio o agli integratori ricchi di fibre. Sono da usare con cautela i lassativi:

· Da contatto o irritanti (bisacodile, boldo, genziana, calamo, senna, rabarbaro) perché danno dipendenza e tolleranza.

· Salini perché possono provocare ritenzione idrica e di sodio.

Si possono utilizzare i tradizionali clisteri (acqua e olio), solo in determinate situazioni e sotto consiglio medico. I lassativi, riducendo il tempo di transito intestinale, possono diminuire l’assorbimento di farmaci qualora siano somministrati contemporaneamente e per via orale. È bene quindi far passare almeno 2 o 3 ore tra l’assunzione del farmaco e il lassativo.

 

    dicembre 2002.


Le indicazioni che troverete tra queste pagine vengono fornite al solo scopo informativo e non possono sostituire la consulenza di un medico. Ricordate che l'autodiagnosi e l'autoterapia possono essere pericolose. E' possibile rintracciare dei centri dove con breve attesa e pagando un ticket si può essere visitati. Anche il vostro medico di famiglia potrà esservi di aiuto.

 

Aggiornamento 20/01/2004

Risultati dello studio pilota sulla sorveglianza delle reazioni avverse da prodotti a base di erbe medicinali
da "bollettino informazione sui farmaci" n. 5-6 2003

Lassativi antrachinonici (senna, aloe, rabarbaro, frangula, cascara)

Sono pervenute 3 segnalazioni di reazioni avverse consistenti in coliche addominali, squilibri elettrolitici con aritmia da fibrillazioni atriale e pseudomonas del colon in pazienti che assumevano preparati erboristici contenenti antrachinoni contro la stipsi. Tali reazioni sono in realtà del tutto prevedibili e sono legate all'abuso o all'uso prolungato nel tempo di lassativi antrachinonici. Come sottolineato anche in una recente nota ministeriale, l'uso di questi prodotti, reperibili anche in specialità medicinali registrate, dovrebbe essere riservato alla stipsi episodica o alla preparazione intestinale per esami endoscopici o radiologici, mentre dovrebbe essere controindicato nella stipsi cronica.